Consigli di letturaFilmSerie-Tv

Consigli di Visione – Ottobre

Non sapete quale film guardare o quale nuova serie tv iniziare su Netflix? Siete nel posto giusto!

Ciao a tutti e bentornati qui sul blog! Oggi vi propongo un numero speciale: di solito sentite parlare di consigli di lettura, anche da me (qui trovi i consigli di Settembre), questa volta invece voglio fare qualcosa di più pop. Vi parlo dei film e delle serie tv che mi hanno colpito nell’ultimo periodo, di quelle che sto guardando o che ho finito da poco. Vi darò qualche spunto e qualche consiglio su cosa guardare in futuro, e sopratutto, troverete le anticipazioni sulle storie che tratterò nei prossimi articoli.

Cosmos: odissea nello spazio

Questa serie è un vero spettacolo. Riesce a coniugare scienza e intrattenimento in modo magistrale e il risultato è una divulgazione chiara ed efficace. In 13 puntate, l’astrofisico Neil deGrasse Tyson ripercorre la storia dell’universo, a partire dal Big Bang, passando per la formazione della Terra e l’evoluzione della nostra vita meravigliosa. E mentre sullo sfondo si succedono paesaggi alieni ed esplosioni dirompenti e silenziose, Tyson ci racconta la vita eroica di coloro che ci hanno portato alla comprensione del cosmo. Galilei, Faraday, Newton ci aprono le pieghe della trama del cosmo per mostraci i suoi segreti. Un ottimo modo di far avvicinare alla scienza. La trovate anche su Netflix!

The End of The F***ing World

Un piccolo gioiellino, anche questo su Netflix. A partire dalla regia che è molto originale, per quanto ne capisca poco di regia, per arrivare ai due attori protagonisti. Quello che colpisce nella serie è la presenza di più generi, tutti armonizzati per creare qualcosa di nuovo: c’è la commedia, il teen drama, il thriller, il cupo, e allo stesso tempo non c’è nessuno di questi generi perché The End of The F***ing World riesce a trasfigurare tutto in una prospettiva originale e unica che finisce con il tenerti incollato allo schermo per tutte e otto le puntate (io l’ho guardata tutta in un giorno). Due ragazzi disturbati che partono in cerca di felicità. E che alla fine la trovano, che alla fine capiscono che la salvezza è possibile, anche al di là della follia e la si trova nell’esperienza che facciamo con le persone. Ciò che emerge con più prepotenza nella serie è proprio questo concetto: delle persone noi facciamo esperienza, le viviamo, le esploriamo, come con un paesaggio, un’opera d’arte o un evento travolgente della nostra vita. Le relazioni con le persone sono il fondo duro su cui costruiamo il resto. Senza cadiamo nella pazzia. Senza siamo perduti.

P.S. Il finale era perfetto così, aveva raggiunto l’obiettivo della storia che è quello di mostrare quanto le persone ci salvino la vita. Quando ho saputo che l’avrebbero rinnovata per una seconda stagione mi sono incazzato. Vediamo se dopo aver visto la stagione 2 rimarrò incazzato o sarò incazzatissimo.

Inside Job

Chiudiamo con un altro documentario, anche se questa volta non è una serie. Parliamo di Inside Job, un altro capolavoro di divulgazione ma sta volta si tratta di economia. Inside Job è il racconto documentato delle cause che hanno portato alla Grande Crisi del 2008, con interviste a coloro che sono stati direttamente coinvolti nella crisi e in alcuni casi i primi colpevoli. Sì perché, come emerge dal documentario la crisi non è stata un errore di sistema, un collasso automatico del capitalismo insito nella sua struttura, ma un errore umano, il frutto di una bolla speculativa di proporzioni elefantiache che non poteva far altro che scoppiare e mandare tutto in mille pezzi, più come una bomba speculativa che come una bolla. Inside Job è un prodotto stupefacente perchè riesce a far appassionare agli eventi narrati disvelando a poco a poco ciò che stava per accadere, facendoti sentire l’ansia come in un film Thriller. Tu sai già cosa è successo ma non sai come è accaduto: il documentario entra dentro (fa un “lavoro interno”, come recita il titolo), esamina i meccanismi nel dettaglio e lo fa con una chiarezza da Oscar (non a caso l’ha vinto per il miglior documentario nel 2011) facendo cadere ogni pezzo del puzzle al suo posto. Se volete capire cosa successe nel 2008 e perché la nostra vita è cambiata totalmente dopo il 2008, dovete vederlo assolutamente.

 

 

 

Rispondi